amicizia femminile

Amicizia e maternità sono sempre gestibili insieme?

Amicizia: un sentimento, una relazione, la condivisione di vite. Facciamo sempre lunghi discorsi sul concetto di amicizia e tutti siamo alla ricerca dell’amica/o. Rari sono, però, i casi in cui un’amicizia dura per sempre, dall’infanzia alla morte, senza incrinature se non addirittura rotture.

Amicizia e gravidanza

Per le donne un momento di svolta nelle relazioni con le amiche è la gravidanza, anzi la nascita di un figlio. Fino alla gravidanza e i primi mesi di vita del figlio si è circondate dall’affetto dei familiari. Ma anche delle amiche, che spesso si premurano di stare accanto alla futura/neo mamma nel suo cammino. Ma è quando termina il periodo di “novità” che spesso le relazioni si raffreddano, si incrinano e si interrompono. Che cosa succede?

Accade che la neo mamma si proietta sul proprio bambino e tra pediatra prima e tutto ciò che segue nella crescita (alimentazione, malattie, scuola ecc.) poi, è portata a parlare frequentemente della propria maternità, anzi spesso diventa l’unico argomento. Non solo, la gestione del bambino rende più problematiche le uscite con le amiche. Queste ultime, se non hanno figli, a lungo andare si stancheranno dei “no” e del mono-argomento e si allontaneranno progressivamente.

D’altro canto, è più facile che la neo mamma cominci a frequentare altre mamme, che incontra dal pediatra, al parco e poi a scuola ecc. Nascono nuove amicizie incentrate sui figli che prendono il posto delle precedenti.

Tutto ciò, è normale, per quanto possa essere doloroso. Cambiano gli interessi e i legami, purtroppo, spesso si basano su interessi. Anche le amicizie.

Sta a ciascuno di noi capire quali “interessi” ci legano agli altri. Alle neo mamme raccomandiamo di ritagliare anche del tempo per se stesse e coltivare le vecchie amicizie proiettandosi un po’ di più verso le amiche. Un figlio è vero che cambia la vita, ma con un po’ di attenzione a se stesse si riesce a essere amiche e mamme.

E poi, se l’amicizia è forte, col tempo ritorna a rinsaldarsi.

Leggi anche “Nanna in braccio o nella culla?”

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter