BABY-SITTER? IMPORTANTE SCEGLIERE BENE

Non tutte le mamme o i papà possono avere il privilegio di accudire i figli durante la loro crescita. Il dilemma se rivolgersi alla baby-sitter o no è inevitabile. Magari sappiamo che il nostro lavoro è indispensabile per la famiglia o più semplicemente non vogliamo ignorare il nostro amore verso la professione (leggi anche mamme e lavoro: il multitasking delle mom 2.0 ), o ancora perché ogni tanto un genitore ha diritto ad avere un po’ di tempo per sé.

In questi casi rivolgersi a qualcuno è necessario e consigliato.

MA A CHI LASCIARLI?

Questa è una scelta di grande responsabilità perché stiamo affidando i nostri piccoli a qualcuno che non siamo noi. La selezione potrebbe passare da un’amica, alla nonna, oppure ad una baby-sitter. In ogni caso importa che ci sia grande fiducia tra voi e il soggetto che sceglierete.

COME SCEGLIERE UNA BRAVA BABY-SITTER?

Le competenze da ricercare variano a seconda che si tratti di un neonato o di un bambino più grande (da 1+ anni).

Nel primo caso occorre affidarsi ad una tata più esperta, perché i più piccoli hanno bisogno di particolari attenzioni: ad esempio per la preparazione di pappe o i cambi pannolini. Con i più piccoli occorre anche più pazienza, bisogna saper cogliere i segnali per capire i motivi dei pianti e saperli gestire. Per i bimbi più grandi invece, anche qualche esperienza in meno non influisce molto.

Inoltre attenzionate che non fumi e non abbia unghie troppo lunghe altrimenti potrebbero intralciarla mentre si occupa del piccolo. Anche il suo aspetto vi dirà molto sul suo conto: una tata che si presenta in modo ordinato, con molta probabilità, userà la stessa attenzione con vostro figlio.

Discutete con lei delle regole che volete il bambino rispetti in vostra assenza: a che ora andare a letto, farlo mangiare, quando guardare la tv e sul come gestire i capricci se necessario.

Ricordatele che sicuramente dovrà passare molto tempo con vostro figlio in maniera divertente ed educativa, ma è anche vero che dovrà lasciargli dei momenti di autonomia in maniera che non cresca troppo viziato.

Come dicevo la fiducia è molto importante tra genitore e tata! Per verificare che sia ben risposta, potreste organizzare delle visite a sorpresa da parte vostra o di qualche amico per vedere se è tutto in ordine o no. Come tutte le relazioni, anche questa va messa alla prova per essere stabile nel tempo.

E RICORDA…

Rivolgersi alla baby sitter è molto utile in alcuni casi ma è anche vero che rischiate di perdervi molto della vita di vostro figlio. Nessuno vi amerà mai così tanto come fa lui! E quando vi chiedono: “Papà vuoi vedere questo disegno che ho fatto oggi?” Non ditegli: “Dopo.” Anche se siete stanchi o stressati dedicate sempre quante più attenzioni possibili al vostro piccolo.  Amateli finché potete perché prima o poi crescono! E se dovete assumere una baby sitter, cercate qualcuno che sia in grado di amare i vostri figli senza sostituirsi a voi!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter