MONONUCLEOSI INFANTILE: CHE COS’È?

COS’È LA MONONUCLEOSI INFANTILE?

La mononucleosi è una malattia infettiva che appartiene alla stessa famiglia del virus della varicella. Responsabile è l’Epstein Barr (EBV), un virus che attacca i linfociti B. La mononucleosi è diffusa soprattutto nella fascia di età che va dai 15 ai 25 anni, ma può essere trasmessa anche a una persona adulta. Nei bambini che contraggono la mononucleosi in età inferiore ai 12 anni, l’infezione è quasi sempre asintomatica o con sintomi lievi. Spesso viene confusa, il più delle volte, con una normale influenza.

COME SI TRASMETTE?

Questo virus si trasmette solitamente con scambi di saliva, starnuti o colpi di tosse. Per questi motivi è conosciuta comunemente come “Malattia del bacio”. Nei più piccini spesso si trasmette mettendo in bocca giocattoli o altri oggetti utilizzati da altri bambini infetti. Molto spesso si trasmette molto rapidamente tra i bambini quando stanno insieme nelle aree gioco o al nido.

QUALI SONO I SINTOMI?

Come già detto, spesso nei più piccoli la patologia non si manifesta e resta incubata anche per alcuni mesi. Solitamente si manifesta con sintomi più generici che molto spesso si ricollegano ad altri fattori, come ad esempio un comune malanno. Tra quelli più comuni: febbricola, stanchezza, perdita d’appetito, rigonfiamento e irritazione delle tonsille. Queste condizioni simil influenzali tendono a esaurirsi spontaneamente nell’arco di alcune settimane.

COME SI CURA?

Nella maggior parte dei pazienti i sintomi si esauriscono senza bisogno di alcun intervento specifico. Sarebbe utile però pensare ad una terapia di supporto al sistema immunitario. Ad esempio: riposo a letto, bere molta acqua, alimentazione equilibrata (a base di frutta e verdura) e volendo, assunzione di antiossidanti naturali (radici di liquirizia o echinacea). In ogni caso solo il pediatra potrà consigliarvi la cura più adatta al vostro bimbo.

In generale non bisogna preoccuparsi. E’ una patologia che è molto frequente e quasi tutti la contagiano almeno una volta nel corso della vita. Abbiate solo molta pazienza!

Leggi di più anche sul CRIPTORCHIDISMO: sai cos’è e come intervenire?