bebè che poppa dal seno della mamma

Poppate al seno al mare: si può? Certo che sì e senza imbarazzi.

Le poppate al seno sono un toccasana per il bebè ma spesso mettono in difficoltà le neo mamme. Un po’ per pudore, un po’ perché si sentono guardate, le mamme che allattano al seno non sempre riescono a farlo in pubblico con serenità. Questo vale in città ma soprattutto quando ci si trova in vacanza al mare.

Se ci si sente un po’ in imbarazzo, è bene ricordare che allattare al mare non ha alcuna controindicazione per il bambino. Anzi: il seno della mamma garantisce nutrimento, allevia la sete e garantisce coccole in gran quantità. Che col caldo non fanno mai male! Che dire poi, dal lato mamma, della comodità di restare in spiaggia senza bisogno di ritornare in albergo in continuazione per le poppate?

Dunque decisamente sì, allattare al mare si può! 

 

Le poppate all’acqua di mare

L’acqua del mare non influisce sulle poppate. Il bambino, al mare, è comunque a contatto con l’acqua, si bagna e porta le mani in bocca che scoprirà essere salate. Piccoli schizzi, inoltre, inevitabilmente gli arrivano sulle labbra. Il sapore salato del seno della mamma, che ha fatto una nuotata, non sarà di alcun fastidio per le poppate del bebè.

Diverso, invece, è il discorso delle creme solari. Occorre evitare che queste finiscano per essere assaggiate durante la poppata. Quindi niente crema sul capezzolo e intorno all’areola. Libera di impomatarsi, invece, la mamma sul suo decolleté, evitando così inutili scottature.

 

Sotto l’ombrellone o al chiuso?

Per allattare un posto vale l’altro, l’importante è stare a proprio agio. Se ci si sente in imbarazzo, un angolino all’ombra del bar della spiaggia può certamente andare bene. Lo stesso vale se al bambino dà fastidio la confusione della spiaggia. Altrimenti, sotto l’ombrellone va benissimo.

Per attenuare il disagio, ci si può coprire con un pareo.

 

Allattare al seno in pubblico non è affatto disdicevole, ma semplicemente naturale e tenero.

Leggi anche “Allattamento al seno

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter