svezzamento

Svezzare : sai come e quando cominciare? Scoprilo adesso

A quale età si può cominciare lo svezzamento?

Svezzare i bambini è già possibile dal loro quinto mese di vita. E’ da questa età, infatti, che i bambini sono pronti per una alimentazione più variegata.

Con lo svezzamento si passa dal latte a una progressiva introduzione di alimenti solidi o semisolidi. Quando si svezza un bambino bisogna dargli alimenti diversi dal latte.

Attenzione! Questo vale anche per quei prodotti che hanno le stesse proprietà del latte e che a volte vengono presentati con nomi esotici e accattivanti con effetti miracolosi sulla crescita e la salute dei nostri bambini.

Con quali cibi svezzare?

Svezzare un bambino non è un’impresa difficile. Le mamme di tutto il mondo e di tutti i tempi lo hanno sempre fatto con naturalezza.
In Italia siamo più fortunati che altrove, giacché disponiamo di una cultura alimentare tra le più buone e salutari del mondo. Frutta, verdura, cereali, ottime carni e pesce non mancano nelle nostre tradizioni. E che dire poi dell’olio di oliva che tutto il mondo ci invidia?
Ebbene, per svezzare i nostri bambini si può cominciare proprio preparando una pappa saporita e nutriente all’italiana!

Come procedere?

In genere lo svezzamento si effettua in forma graduale. Come prima cosa viene introdotta una prima pappa e poi se questa viene assimilata bene dal bambino si può procedere con una seconda. Bisogna comunque ricordare di introdurre sempre un solo alimento per volta, così facendo possiamo capire se tale alimento viene bene acquisito dal bambino. La dieta deve essere molto equilibrata e ricca di vegetali. Per quanto riguarda il pesce lo si può introdurre dall’ottavo mese in poi.
E badate bene: prima si introducono i cibi che mangiano gli adulti e prima si allontana il rischio che il bambino sviluppi allergie verso quei cibi. Insegniamo fin da piccoli ai nostri figli a mangiare sano.

Leggi anche: “Peso corretto

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter